Witcher Wiki
Advertisement
Witcher Wiki
Tw3 achievements bookworm unlocked.png
"Vuoi davvero saperlo?"
Spoiler per libri e/o altri adattamenti a seguire!


Crevan Espane aep Caomhan Macha, conosciuto come Avallac'h, è un elfo degli Aen Saevherne di Tir ná Lia. Viaggiò tra i due mondi degli Aen Elle e degli Aen Seidhe. Conobbe Geralt di Rivia nei pressi delle catacombe elfiche di Tir ná Béa Arainne, a cui raccontò una profezia connessa con Ciri. Tra gli unicorni era conosciuto come "La Volpe".

Lara Dorren inizialmente aveva intenzione di sposarlo, prima di innamorarsi di Cregennan di Lod.

Avallac'h compare nei libri La Torre della Rondine e La Signora del Lago. Viene anche menzionato nel Diario del viaggiatore, dell'espansione Effetti secondari, di The Witcher.

Biografia[]

Incontro con Ciri a Tor Ziraeal[]

Ciri riuscì a sfuggire a Leo Bonhart trovando ed entrando nella Torre della Rondine, dove, alla fine del percorso, si ritrovò in un bellissimo giardino dove Avallac'h suonava un flauto di pan. L'elfo la accolse chiedendole come mai ci aveva messo tanto.[1]

Con Ciri a Tir ná Lia[]

Durante il soggiorno di Ciri nella sua nuova dimora, ella veniva chiamata dagli elfi Signora del Lago. Tuttavia, Ciri capì presto che non si trattava di una signora, ma di una prigioniera. La ragazza, stanca e desiderosa di tornare a casa, chiese ad Avallac'h cosa volevano da lei, e l'elfo le spiegò che desideravano un suo discendente, ossia che ella facesse un bambino. All'inizio, Ciri credette che avrebbe dovuto farlo con l'elfo Eredin, ma alla fine Avallac'h la portò a Tir ná Lia, dove sarebbe dovuta andare dal re Oberon Muircetach e darsi a lui. Ciri era contraria e non voleva avere un bambino, ma accettò quando le fu spiegato sempre dallo stesso elfo che il tempo, in quella dimensione, scorreva in modo diverso da quello del suo mondo, e che una volta fatto il bambino l'avrebbero liberata a meno che ella non avrebbe voluto restare per crescerlo.

Dopo due notti in cui Ciri cercò di darsi a Oberon finendo per essere rifiutata, la witcher corse da Avallac'h e protestò, dicendogli che si sarebbe concessa a lui, e di sbrigarsi. Avallac'h, che fino a quel momento era sempre stato paziente, si infuriò e la chiamò sciocca umana, dicendole che si era permessa di imbrattare il ricordo di Lara Dorren con quelle parole. Avallac'h disse allora che l'umano da cui Ciri discendeva, Cregennan, gli aveva portato via Lara, la sua amata. Quando Ciri si scusò, l'elfo tornò calmo e la perdonò.[2]

Tw3 book brown.png
Il testo seguente si basa sulla storia canonica dei giochi; ciò vuol dire che potrebbe contraddire le opere di Andrzej Sapkowski.

Cercando informazioni da Keira[]

Avallac'h visitò la maga Keira Metz per trovare informazioni su Ciri, dicendo che voleva trovare una "donna dai capelli color cenere", poiché avrebbero dovuto incontrarsi a Velen. Non sapeva dove si trovasse Ciri, quindi se ne andò per andare in alcune rovine elfiche vicino a Mezzobosco dove lasciò diverse proiezioni morfotiche da seguire, se avesse avuto bisogno di trovarlo.

A seguirlo c'era la Caccia Selvaggia, anch'essa alla ricerca di informazioni su Ciri. Avallac'h fuggì dalle rovine per sfuggire alle loro grinfie, con l'aiuto di una pozione di Keira.

Il Tempo della Fine[]

Fine del contenuto canonico dei giochi.

The Witcher 3: Wild Hunt[]

Voce del Diario The Witcher 3[]

Da aggiungere.

Missioni associate[]

Note[]

  • Ha creato e addestrato Caranthir, che alla fine si sarebbe unito alla Caccia e avrebbe giurato fedeltà a Eredin. Sebbene gli appunti di Avallac'h indicassero che desiderava il bene di Caranthir nonostante il suo carattere avventato e la tendenza a correre rischi sciocchi, non è noto se Caranthir lo sapesse o meno.

Galleria[]

Riferimenti[]

Advertisement