Witcher Wiki
Advertisement
Witcher Wiki
Tw3 achievements bookworm unlocked.png
"Vuoi davvero saperlo?"
Spoiler per libri e/o altri adattamenti a seguire!


Desideri Incontenibili è il quinto episodio della prima stagione della serie TV di Netflix di The Witcher, andato in onda il 20 dicembre 2019 ed è basato sul racconto "L'ultimo desiderio".

Personaggi[]

Sinossi[]

Incurante degli avvertimenti, Yennefer cerca di ripristinare ciò che ha perduto. Senza volerlo, Geralt mette Ranuncolo in pericolo. La caccia a Ciri si intensifica.[1]

Riassunto[]

Sequenza temporale di Geralt[]

Jaskier incontra di nuovo Geralt di Rivia dopo diversi anni. Trova Geralt in riva ad un lago mentre pesca, appena fuori Rinde, e quindi gli racconta la storia di come la contessa de Stael lo ha lasciato (di nuovo) e prega Geralt di risparmiare un po' di pesci. Tuttavia, Geralt non sta, in verità, pescando, ma sta cercando un djinn in modo da poter desiderare la cura dalla sua insonnia.

Jaskier suggerisce che ignorare la Legge della Sorpresa ha causato la sua insonnia, ma Geralt lo nega e, scherzosamente, suggerisce che il canto del bardo sia il motivo per cui la contessa lo ha lasciato nuovamente, dicendo che il suo canto è "come ordinare una torta e scoprire che non ha riempimento"; in risposta, Jaskier afferra la bottiglia contenente il djinn dalle mani del witcher nel momento in cui la trova, dicendo che lui gliela ridarebbe se avesse ritirato il suo insulto. Lottano per la bottiglia e, quando il bardo la tira, il tappo rimane nelle mani di Geralt.

Geralt e Jaskier da Chireadan.

Quando il cielo comincia a scurirsi, Jaskier esprime immediatamente due desideri e Geralt gli impedisce di esprimere il terzo. Geralt gli dice che voleva solo "un po' di pace". Il witcher è giustamente infastidito, e i due iniziano a litigare. In mezzo alla foga della discussione, Jaskier rompe accidentalmente la bottiglia. Il collo del bardo comincia a gonfiarsi dandogli difficoltà a respirare e, quando inizia a tossire sangue, Geralt lo porta da un guaritore, Chireadan, un elfo.

Chireadan dice a Geralt che la ferita è naturalmente magica e, se non viene curato presto, potrebbe causare danni permanenti alla gola di Jaskier o, addirittura, ucciderlo. Dà a Jaskier un liquido per permettergli di rimanere in quel modo almeno per qualche ora ed insiste affinché il witcher trovi un mago che possa aiutarlo. Geralt gli chiede se c'è o meno un mago a Rinde, e quindi lui dice è una malvagia a preso il possesso della casa del sindaco.

Geralt si dirige verso quest'ultimo luogo, ma viene fermato dallo scagnozzo di Beau Berrant. Gli chiede dei soldi per aprire la porta, quindi il witcher lo mette fuori combattimento. Geralt trascina Jaskier all'interno della casa, incrociando un folle Beau Berrant, completamente ubriaco e sotto l'influenza di qualche magia. Poi, Geralt si fa strada al piano di sotto per incontrare Yennefer, lasciando Jaskier mentre parla con lei.

Sequenza temporale di Yennefer[]

Yennefer e Hemet.

Yennefer entra in un negozio in cerca di assistenza. Proprio come lei, il negoziante, Hemet, è un mago, ed entrambi hanno scelto di vivere una vita fuori dagli schemi, senza essere limitate dalle regole della Confraternita. Yennefer si era recata da lui per comprare una pozione che possa permetterle di riavere un utero, sentendosi incompleta, ma non ha abbastanza soldi e minaccia il venditore pur di avere la pozione; tuttavia, alla fine, se ne va a mani vuote.

Yennefer avvia un'attività proprio a Rinde: risolve il problemi dei cittadini in cambio di paga. Ha clienti in fila lungo la strada fino a quando si non si trova davanti il sindaco della città, Beau Berrant ed il suo scagnozzo, Burley. È venuto a ritirare i soldi dovuti al regno e, quando Yennefer si rifiuta di obbedire, viene arrestata.

Yennefer riceve una visita da Tissaia, che non vede da anni. Tissaia informa la maga che re Virfuril è morto e che re Demavend governa ora il regno. Yennefer ha cercato di nasconderlo per molto tempo, ma alla fine confessa a Tissaia che desidera avere figli. Tissaia la avverte che i maghi che sta arruolando non troveranno per lei la cura all'infertilità. Tissaia invita Yennefer a tornare ad Aretuza, dicendole che facendo ciò potrà essere riscattata e tutti i suoi guai commessi ad Aedirn saranno perdonati e dimenticati; tuttavia, la maga rifiuta, sospettando che Tissaia vuole approfittarsi di lei solo finché le è di utilità. Tissaia lo nega, chiedendosi cosa potrebbe desiderare più di Yennefer, a cui risponde "tutto".

Sequenza temporale di Geralt e Yennefer[]

Geralt incontra Yennefer per la prima volta.

Quella sera, Yennefer ospita un'orgia di cittadini. Con sua sorpresa, il witcher Geralt di Rivia lo interrompe. La maga lo conosce come il "Lupo Bianco". Il witcher le chiede aiuto per salvare il suo amico, Jaskier, che era stato attaccato da un djinn e che qualunque cosa quella creatura gli aveva fatto, si stava espandendo. Geralt, quindi, insiste, chiedendole di aiutarlo. Se Yennefer lo curasse, Geralt le promette di soddisfare la sua curiosità. Yennefer accetta le sue condizioni.

Geralt e Yennefer nella vasca da bagno

Yennefer mette Jaskier in un sonno profondo e curativo. La maga informa il witcher che devono catturare il djinn, ma, in verità, è per un suo scopo privato, nella speranza di diventare capace di lanciare incantesimi più potenti. Geralt risponde che è disperato. Yennefer si spoglia e si siede schiena contro schiena con lui nella vasca da bagno. Yennefer gli chiede se tutti i witcher siano benedetti come lui. Geralt le spiega che lui non ha avuto un'infanzia felice e, che a giudicare dalle cicatrici della maga, che neanche lei ha avuto un'infanzia felice. La accusa di trarre vantaggio dal caos politico nella città di Rinde, ma lei dice che sta solo aiutando i cittadini.

Sebbene Geralt non dubiti delle capacità della maga, dubita delle sue intenzioni. Yennefer assicura a Geralt che Jaskier sopravviverà e che recupererà i suoi talenti vocali. Geralt si guarda intorno e si rende conto che Yennefer sta cercando di intrappolare il djinn. Yennefer spiega che Jaskier deve esprimere il suo terzo e ultimo desiderio in modo che possa catturare il djinn. Geralt rimane improvvisamente preso dall'odore di lillà uva spina. Yennefer lo baca e in quel momento riesce a prendere il pieno controllo di lui. Lo usa per mettere in atto la sua vendetta contro un paio di membri del consiglio comunale.

Yennefer mentre cerca di combattere il djinn.

Mentre Yennefer prepara l'incantesimo, Jaskier si risveglia. La maga cerca di convincerlo ad esprimere il suo ultimo desiderio in modo seducente, ma quando non funziona lo tiene contro il muro e lo costringere di esprimere un desiderio. Jaskier lo esprime e Yennefer lo rilascia, iniziando quindi a cantilena per evocare il djinn. Geralt ritorna, offrendo il suo aiuto. Cerca di fermare Yennefer prima che la sua energia si consumi e la uccida. Jaskier ha espresso il suo ultimo desiderio, ma il djinn sembra diventare sempre più forte. Questo perché, come spiega Geralt, è lui che ha i desideri. Si rifiuta di esprimere l'ultimo desiderio credendo che Yennefer possa perdere il controllo. Yennefer afferma che la vera trasformazione è dolorosa e che prenderà lei stessa il djinn. La maga diventa instabile. La casa inizia a crollare. Alla fine, Geralt, con l'intenzione di salvare Yennefer, esprime il suo ultimo desiderio, desiderando di far fuggire il djinn.

Yennefer e Geralt.

Yennefer riesce a portare Geralt al piano di sotto prima che la struttura crolli. La maga lo incolpa della fuga del djinn e di tutto il caos che causerà. Garrett la informa che i djinn diventano creatur oscure solo quando tenuti prigionieri e che è certo che non causerà molti danni ora che è libero. Alla fine, Geralt e Yennefer fanno l'amore e la maga gli chiede cosa desiderava veramente, ma lui non lo rivela. Poi dorme profondamente.

Sequenza temporale di Ciri[]

Cahir cerca di ricattare un doppler, insolito per la sua natura malvagia, e gli incarica di trasformarsi in Saccoditopo: quello vero è stato intrappolato in una cella di dimeritium e viene portato davanti a Fringilla Vigo, che deride il suo stato di impotenza. Grazie ai suoi ricordi, il doppler rivela che Saccoditopo si è quasi ucciso pur di non permettere ai nilfgaardiani di usarlo, e lo stesso Saccoditopo li avverte che non sa cosa sia Ciri, ma il doppler uccide comunque Saccoditopo. Con lui morto, Cahir ordina al doppler di ingannare la Leoncina fingendo di essere Saccoditopo.

A Brokilon, il Generale è sospettoso di Ciri, dopo che il Shan-Kayan ha rivelato la sua vera identità di principessa di Cintra alle driadi. Eithné le dice che le permette di restare, se vuole, e quando diverse driadi arrivano con in mano le teste degli esploratori nilfgaardiani, riesce a convincere le driadi che Ciri potrebbe essere la chiave per tenere a bada l'esercito invasore. Eithné poi annuncia, usando la lingua comune in modo che anche Ciri possa capire, che alla principessa è permesso di restare.

Eithné e Ciri in un abbraccio d'addio.

Poco tempo dopo, il doppler entra nella Foresta di Brokilon, sostenendo di venire in pace per "rivendicare la fanciulla". Vedendo ciò, il Generale gli consente un passaggio sicuro lungo Brokilon per portarlo dalla regina, dove scopre che la principessa sta imparando a costruire frecce. Sebbene Eithné si oppone a Saccoditopo che vuole prenderla, il doppler afferma che vuole onorare la Legge della Sorpresa, portando Ciri da Geralt di Rivia. Anche Ciri stessa desidera andarsene, quindi Eithné le dice che il destino è nelle sue mani e in quelle di nessun altro, e la manda in viaggio con Dara ed il doppler.

Riferimenti[]

Navigazione[]

The Witcher Netflix

Personaggi

Geralt di RiviaYennefer di VengerbergCiriJaskierCahir aep CeallachCalantheTissaia de VriesTriss MerigoldVilgefortzRenfri
Stagione 1 L'Inizio Della FineQuattro MarchiLuna TraditriceBanchetti, Bastardi e SepoltureDesideri IncontenibiliSpecie RaraPrima di Una SconfittaMolto di Più
Stagione 2 Un Briciolo di VeritàKaer MorhenCio Che è PersoIntelligence di RedaniaIntelligence di RedaniaInvertire la RottaCaro Amico...Voleth Meir