Witcher Wiki
Witcher Wiki


This well-preserved journal written by the Gran Mendicante is found along with diagrams for Pantaloni della manticora and stivali.

Missioni associate[]

  • Le parole dei Profeti scritte sui sarcofagi

Dal diario[]

7 Feainn 1203
Gli attacchi sono sempre più violenti. Gli abitanti del villaggio vicino, che non tollerano la mia presenza, sono diventati aggressivi. Non vogliono ascoltare la verità sui loro dèi. Non capiscono che solo Lebioda può salvarli. Minacciano di uccidermi, ma affronterò la morte col sorriso sulle labbra se questa è la volontà del Profeta.

14 Feainn 1203
Mi sono appena separato da un magnifico ospite, un convertito animato da una sete insaziabile di verità e fede. Si chiama Merten e un tempo era un witcher, ma ha abbandonato quella vita disonorevole per percorrere il cammino della redenzione. Abbiamo parlato a lungo e poi abbiamo meditato e pregato insieme per molte ore. Per onorare Lebioda, ha abbandonato qui molti degli oggetti che simboleggiavano il suo legame con la sua vita di prima. Se tutti i seguaci di Lebioda fossero tanto ferventi nella loro fede! Allora sì che il mondo sarebbe un posto migliore...

Merten ha voluto confessarmi le azioni vergognose che ha compiuto quando era un witcher. Dal momento che vuole purificarsi, gli ho consigliato di recarsi alla cappella segreta. Raggiungere quel posto, remoto e attorniato da creature pericolose, è già di per sé una sfida. Merten è andato... Che Lebioda lo guidi lungo il cammino.

19 Feainn 1203
Il mio destino è segnato. Morirò per la mia fede, per la verità, per Lebioda. Stanotte alcuni abitanti del villaggio, in preda all'ubriachezza, hanno attaccato il tempio. Con l'odio nel cuore, hanno gridato che siccome sono il Grande Mendicante, devo implorare Lebioda affinché abbia pietà di me. Hanno spogliato il tempio di tutti i suoi tesori (salvo i libri, che per loro non hanno alcun valore) e mi hanno murato in una tomba... Se Lebioda non manderà qualcuno in mio soccorso, morirò qui dentro. Possano le mie ossa testimoniare della sua gloria.