Witcher Wiki
Witcher Wiki


Big Quote Left.png
Ci è stato ordinato di circondarli, ma come si fa? È come cercare di agguantare il vento ...
Big Quote Right.png
- Caporale Zyvik, pag. 186 in Il Sangue degli Elfi (edizione italiana).
Toruviel, nel diario di The Witcher

Gli Elfi o Aen Seidhe (in Lingua Antica) sono una delle razze umanoidi nella serie Witcher di Andrzej Sapkowski. Gli elfi fanno parte delle Razze Antiche (insieme con gli Gnomi e i Nani). Gli Aen Seidhe giunsero nel Continente sulle loro bianche navi molto prima degli umani, ma successivamente agli gnomi e ai nani.

Gli elfi vivono molto più a lungo degli uomini e hanno solitamente tratti delicati, zigomi alti e orecchie appuntite. Talvolta si uniscono a degli umani generando dei "mezzosangue" chiamati, Mezzi elfi, Quarteroni e Driadi. Sebbene siano molto più longevi degli umani, solo i giovani elfi sono fertili, quindi tendono a riprodursi in un ritmo più lento rispetto a quello degli umani.[8]

Come altri non-umani, sono perseguitati dai Popoli del Nord. Per questo motivo molti elfi si sono uniti agli Scoia'tael, per combattere al fianco dell'Impero di Nilfgaard, durante l'invasione da parte di quest'ultimo dei Regni Settentrionali. In cambio, l'Imperatore Emhyr var Emreis concesse agli elfi uno stato proprio, situato a Dol Blathanna e proclamò Enid an Gleanna governante e regina di questa regione.

Gli Elfi credono di essere stati "creati", a differenza degli umani che si sono evoluti. Per questa ragione alcuni considerano gli umani delle scimmie senza peli.

Oltre agli Aen Seidhe, esisteno anche altri popoli di elfi, tra cui gli Aen Elle e gli Aen Saevherne che dimorano in un altro mondo.

Aspetto[]

I tratti caratteristici degli elfi sono le orecchie appuntite e piccoli denti uguali senza canini. Gli elfi tendono ad essere molto alti e magri e, a causa della loro longevità, spesso sembrano giovani. Gli elfi sono spesso considerati attraenti dagli umani. Come gli umani, gli elfi amano indossare una varietà di stili d'abbigliamento, sebbene gli Scoia'tael sono noti di preferire le pellicce e le pelli di animali, in particolare quelle degli scoiattoli e delle altre creature che vivono nella foresta.

Cultura[]

Guerriero Aen Elle.

La cultura elfica si basa principalmente sul naturalismo e sul vivere in armonia con la terra, piuttosto che piegarla alla propria volontà. Gli elfi urbani tendono ad essere molto accademici o artistici, ma possono svolgere una varietà di professioni, come gli umani. Gli elfi rurali, che non vivono con gli umani ma che seguono uno stile di vita un po' più semplice, cacciano, raccolgono e traggono profitto dalla natura secondo le loro necessità. In battaglia, i guerrieri elfi prediligono archi e spade di metallo, non ch'è armature leggere fatte di pellicce e pelli. Tendono ad essere molto abili nel combattimento a cavallo.[9]

Lingue parlate[]

La maggior parte degli elfi parla Lingua Antica, la lingua tradizionale dell'Aen Seidhe. Quasi tutti gli elfi hanno almeno una familiarità rudimentale con il linguaggio comune, ma molti, in particolare, gli elfi che vivono in città parlano la lingua comune come qualsiasi altro essere umano.

Una spada elfica.

Capacità[]

Sembra che molti elfi del nord seguano la tradizione della caccia e della raccolta, poiché gli elfi del Dol Blathanna non hanno familiarità con l'agricoltura.[10] Sebbene molti ora siano distrutti, gli elfi erano in grado di costruire molte città e palazzi di pietra, ma non costruirono castelli e fortezze.[11] Tuttavia, al tempo della serie di The Witcher, molti di questi insediamenti sono stati o distrutti o occupati dagli umani.[12] Gli archi elfici sono spesso rinomati per la loro leggerezza e facilità d'uso e i cacciatori esperti spesso li preferiscono agli archi umani. Uno stile di arco elfico noto come zhefaré è più corto rispetto agli altri e vengono creati con un composto di legno e tendini di animali. Una cacciatrice umana, Milva, ha affermato che sebbene più leggere dell'arco umano, gli zhefaré lanciano una freccia a velocità maggiore e con una ridotta precisione.[13]

Società[]

Gli elfi avevano creato magnifiche città e palazzi prima dell'arrivo degli umani nel continente. Gli elfi ne distrussero molte a seguito delle guerre, poiché non volevano che l'architettura elfica andasse a finire nelle mani degli umani.[14] Molte città moderne, tra cui Novigrad, Oxenfurt, Vizima, Tretogor, Cidaris e la città di Cyntra sono costruite sul terreno delle città elfiche distrutte.[15][16] Molti elfi e mezzelfi sono riusciti a integrarsi nella società umana, ma devono affrontare i giornaliere pregiudizi razziali. Altri hanno scelto di vivere nella natura selvaggia in clan appartati, vivendo fuori dalla terra evitando i contatti con gli umani, se possibile.

Religione[]

Una volta, gli elfi, prima che gli umani arrivassero sul continente, adoravano una divinità simile a Melitele, in quanto adoravano una dea del raccolto e della fertilità.[17]

Storia[]

Gli elfi hanno viaggiato verso il continente con le loro navi bianche circa duemilacinquecento anni prima dell'arrivo degli umani, molto probabilmente da un altro mondo da cui proveniva un portale. Per mille anni, gli elfi colonizzarono gran parte del continente, principalmente con mezzi pacifici, sebbene si scontrassero con diverse razze, come Vran, Warebbubb e Nani, prendendo il controllo della città di Loc Muinne.[18]

Al tempo del Primo Sbarco e dell'arrivo degli Umani sul continente, gli elfi avevano scambiato le loro intenzioni e sottovalutato la minaccia della colonizzazione umana. Mente continuavano a rifiutare la guerra umano-elfica, temendo migliaia di vittime, scelsero di continuare a fuggire verso est, sperando che gli invasori, alla fine, avrebbero smesso di espandersi, abbandonando molte delle loro città nel processo. Alla fine, un trattato di pace fu firmato tra gli umani e gli elfi, anche se questo fu spezzato pochi anni dopo quando le forze redaniane, guidate da Milan Raupenneck, attaccò e massacrò gli abitanti di Loc Muinne. Così iniziò la seconda guerra umano-elfica, che portò rapidamente alla sconfitta degli elfi e alla loro ritirata a est, un colpo dal quale la loro razza non è mai riuscita a riprendersi.[19]

Molti anni dopo fu firmato un trattato di pace con gli elfi stanchi. Il trattato consentiva loro di vivere in montagna senza essere attaccati dagli umani e si sottomettevano a loro, che fu il loro destino per diversi anni fino a circa 220 anni fa, quando Aelirenn guidò il suo popolo contro il volere degli anziani, verso una battaglia suicida contro gli umani, che portò alla morte di lei e di tutti i suoi guerrieri.[20]

Personaggi[]

Yeavinn nel diario di The Witcher
Iorveth in The Witcher 2

Elfi conosciuti[]

Altri Elfi conosciuti[]

The Witcher[]

Yaevinn Toruviel Elfo Cacciatrice Scoia'tael Chireadan Maga elfa

Nei fumetti[]

Fonti[]

The Witcher 2: Assassins of Kings[]

Iorveth

Personaggi[]

Vedi anche[]

Galleria[]

Riferimenti[]