FANDOM


Wieza jaskolki 2

Leo Bonhart on the cover of Wieża Jaskółki

Leo Bonhart – un cacciatore di taglie, assassino e veterano di guerra. Era conosciuto per la sua professionalità e gli alti pagamenti che richiedeva. Trovava piacere nell'osservare scene brutali e infliggere dolore agli altri. Possedeva tre medaglioni di witcher, che raffiguravano le teste di un lupo, un gatto e un grifone e dichiarava di aver ucciso i loro precedenti padroni.

Bonhart fu ingaggiato da Stefan Skellen per uccidere Ciri e dal barone Casadei per catturarla viva. Bonhart uccise la banda dei Ratti, di cui Ciri faceva parte e tagliò loro le teste. In realtà non uccise Ciri né la catturò per portarla al barone, contravvenendo a entrambi i due contratti. La imprigionò invece per un periodo, picchiandola, sfruttandola e costringendola a combattere nell'arena di Claremont, che era di proprietà di suo cugino Houvenaghel.

Ciri fuggì quando Bonhart era nel villaggio di Goworożec insieme con Skellen e Rience. Bonhart poi uccise Neratin Ceka, mentre Skellen fu seriamente ferito da Ciri, che si nascose per medicarsi all'eremitario di Vysogota di Corvo. Insieme con Skellen e Rience, Bonhart tentò di catturarla di nuovo su ordine di Vilgefortz. Alla fine, Ciri fuggì a Tor Zirael.

Al castello di Stygga, Bonhart uccise Cahir e poi morì per mano di Ciri, che a suo modo amava, anche se in modo sadico e disumano.

The Witcher Modifica

In The Witcher, Bonhart viene menzionato da Jean-Pierre quando lo si incontra per la prima volta nella palude. Secondo Jean-Pierre, il "Vecchio Leo" era un uccisore di witcher, una leggenda, per cui i witcher e i maghi non avevano alcuna possibilità contro di lui.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.