Witcher Wiki
Advertisement
Witcher Wiki
Tw3 achievements bookworm unlocked.png
"Vuoi davvero saperlo?"
Spoiler per libri e/o altri adattamenti a seguire!
Tw3 achievements friend in need unlocked.png
"Questa è la mia storia, non la tua. Devi lasciarmi finire di raccontarla."
Questo articolo è una bozza. Puoi aiutare Witcher Wiki cercando di espanderlo.

Big Quote Left.png
Una maga agisce sempre. Se male o bene, si scopre poi. Ma bisogna agire, prendere la vita per i capelli. Credimi, piccola, ci si rammarica solo dell'inattività, dell'irresolutezza, dell'esitazione. Delle azioni compite e delle decisioni prese, sebbene a volte siano causa di tristezza e dolore, non ci si rammarica.
Big Quote Right.png
- Margarita a Ciri, Il Tempo della Guerra, pag. 123


Margarita Laux-Antille è la maga rettrice della scuola di Aretuza. È anche nipote della famosa Ilona Laux-Antille e membro fondatore della Loggia delle Maghe. Fu amata da un uomo chiamato Lars, anche se non ricambiò mai i suoi sentimenti. Infatti dopo quattro anni questa relazione terminò poiché la maga non riusciva più a provare nulla per lui, trovandolo troppo noioso.

Biografia[]

L'incontro a Gors Velen[]

Ciri incontra Margarita e Tissaia de Vries a Gors Velen, mentre è in giro per la città assieme a Fabio Sachs. Le maghe credono che Ciri sia un'alunna fuggita da Aretuza durante lo spostamento dei dormitori a Loxia, dopo aver avvertito l'uso dell'amuleto datole da Yennefer. Dopo essersi chiarite, le maghe, assieme a Ciri, trascorrono la sera all'Airone d'Argento, la locanda migliore e più cara di Gors Velen, affittando la piscina privata. Margarita parla a Yennefer della fine della sua relazione con Lars, per poi consigliare a Ciri che una maga deve sempre agire e che ci si rammarica solo dell'esitazione, cosa che da forza a Ciri di fuggire da Gors Velen e recarsi a Hirundum per incontrare Geralt prima di recarsi ad Aretuza.[1]

Fondando la Loggia[]

Un anno dopo il colpo di stato di Thanedd, nel 1265, Rita si recò nel castello di Montecalvo assieme a Filippa Eilhart, Triss Merigold e Keira Metz nel tentativo di rifondare un'organizzazione che trattasse esclusivamente gli affari della magia in modo politicamente imparziale.[2]

Coinvolgimento[]

The Witcher 2: Assassins of Kings[]

In The Witcher 2: Assassins of Kings, Margarita Laux-Antille viene menzionata dall'ambasciatore Shilard Fitz-Oesterlen, come una delle maghe a capo della cospirazione colpevole dell'assassinio di re Demavend e re Foltest e per questo motivo, condannata a morte.

Lei è anche citata da Geralt come co-autore del I maestri della magia sulle maledizioni... Scritti selezionati compendio, con Tissaia de Vries.

The Witcher 3: Wild Hunt[]

Dopo il massacro di Loc Muinne, Margarita, insieme alle altre maghe della Loggia delle Maghe, si nascose. Tuttavia, rimase ancora in contatto con Filippa e le due discussero su un piano nella speranza di riformare la Loggia. Tuttavia, quel piano fu sospeso. Temendo che i cacciatori di streghe avrebbero inevitabilmente attaccato Aretuza, Margarita e i suoi studenti si recarono a Novigrad dopo aver appreso che Triss Merigold stava pianificando la fuga per i maghi a Kovir. Purtroppo, lei e i suoi studenti furono catturati e imprigionati, e i suoi alunni furono bruciati uno per uno, con Radovid che salvò Margarita per ultima. Fortunatamente, la maga fu salvata da Geralt e Yennefer prima della sua esecuzione.

Vedi anche[]

Galleria[]

Advertisement