Witcher Wiki
Advertisement
Witcher Wiki


Prima di Una Sconfitta è il settimo episodio della prima stagione della serie TV di Netflix di The Witcher. La trama è ispirata al racconto "La spada del destino".

Personaggi[]

Sinossi[]

Il potere crescente di Nilfgaard mette a rischio il Continente e Yennefer ripercorre il suo passato, mentre Geralt ripensa al suo dovere secondo la Legge della Sorpresa.[1]

Trama[]

Sequenza temporale di Geralt[]

Gli assassini di Calanthe provano a uccidere Geralt.

Fuori, vicino al Passo di Amell, Geralt vede l'esercito di Nilfgaard in marcia e deduce correttamente che si stanno dirigendo verso Cintra e anche lui si dirige frettolosamente lì. Quando incontra Saccoditopo, chiese se il suo Bambino Sorpresa è al sicuro. Saccoditopo rivela quindi che il suo Bambino Sopresa è una ragazza di nome Cirilla, cresciuta da Calanthe dopo che Pavetta e Duny morirono in mare anni prima. Dopo che Geralt racconta ciò che aveva visto al Passo di Amell, Saccoditopo gli dice che loro sono ben preparati, ma viene interrotto dal witcher che avverte delle persone muoversi nel sotterraneo, e Geralt chiede retoricamente se degli assassini sono stati mandati dalla regina. Quindi indaga nei tunnel in cui due degli assassini si mostrano brevemente prima di scomparire. Avendo la sua risposta, Geralt prende Mousesack come ostaggio e scudo, costringendo tutti e otto gli assassini a uscire allo scoperto. Non volendo morire nel fuoco, mentre gli assassini si avvicinano ai due, Saccoditopo apre un portale che teletrasporta lui e il witcher in salvo.

Nel frattempo, Calanthe e Danek ispezionano l'equipaggiamento dell'esercito di Cintra mentre discutono su Nilfgaard, credendo che non oseranno attaccare Cintra ma che si stiano preparando come sempre. Anche Eist dovrebbe tornare lo stesso giorno dal suo viaggio alle Skellige, con cinquanta navi delle isole per aiutare loro. Subito dopo, Saccoditopo e Geralt, teletrasportati, si avvicinano e Calanthe, con una nota infuriata nella voce, dice a Geralt che non sarebbe dovuto tornare mentre le sue guardie sguainano le spade. Geralt la informa che non aveva pianificato di farlo fino a quando non ha inviato gli assassini. I due hanno quindi un'accesa discussione, dove diventa chiaro che Calanthe sta cercando di proteggere la sua unica discendente sopravvissuta, avendo già perso Pavetta, anche se Geralt promette che prenderà Ciri e la proteggerà, per poi riportarla indietro una volta che la minaccia nilfgaardiana sarà finita. Venendo a patti con questo, Calanthe annuncia che la Legge della Sorpresa è stata chiamata e che lo dirà lei stessa a Ciri.

Poco tempo dopo, Geralt entra nel castello dove dà ancora una volta udienza a Calanthe la quale sta dicendo a Ciri piangente che Geralt è destinato a portarla via mentre Saccoditopo guarda. Geralt saluta Ciri ma lei rimane in silenzio con lui, rivolgendosi invece alla regina per chiedere se può dire addio ai suoi amici e sua nonna acconsente prima che la giovane principessa se ne vada. Calanthe dice quindi a Geralt che lo convocherà una volta che Ciri avrà salutato ed è pronta a partire.

Geralt scopre che è l'inganno.

Con ciò, Geralt lascia la stanza e si dirige lungo il corridoio, ma sembra essere magicamente attratto verso i tunnel sotterranei in cui procede a seguire fino alla fine prima di uscire da una porta laterale, giusto in tempo per vedere Ciri che corre verso un gruppo di bambini che giocano a quattro zampe e li salutano. Tuttavia, quando finisce, si inchina verso l'ultimo e li chiama "Vostra Altezza", rivelando che quello che Geralt ha incontrato era solo un'esca e la vera principessa era quella travestita da contadina all'esterno.

Arrabbiato per questo inganno, Geralt affronta la regina e cerca di convincerla che sta solo cercando di proteggere Ciri, a cui Calanthe ribatte che l'ultima volta che lo ha ascoltato, ha lasciato entrare un riccio nella sua corte che ha portato Pavetta a morire in mare come risultato, e Ciri è al sicuro poiché hanno un esercito e una marina per difendersi da Nilfgaard. Nonostante ciò che Geralt dice Calanthe non cambia idea e ordina ad Eist, appena tornato, di togliere il witcher dalla sua vista.

Eist quindi conduce Geralt fuori dal castello e al cancello vicino mentre Geralt lo interroga sul motivo per cui non onora più la Legge della Sorpresa. Eist risponde semplicemente che una nipote ha cambiato le cose e rivela che Calanthe era estremamente addolorata dopo la perdita di sua figlia, ma dopo aver superato tutto ciò, è divenuto fiducioso nelle decisioni di sua moglie e lo sarà fino ai loro ultimi giorni. Dopo che Geralt non promette di non tornare poiché deve farlo in caso Ciri sia in pericolo, egli lo rinchiude tra due cancelli di metallo nell'arco.

La regina morta.

Pochi giorni dopo, Cintra viene rasa al suolo da Nilfgaard mentre Geralt disarmato sta meditando in una cella. Sentendo il caos, Geralt riesce ad afferrare un cavaliere di passaggio, metterlo fuori combattimento e strappargli le chiavi della cella, prima di riarmarsi e uscire dal castello. Tuttavia, viene immediatamente attaccato dai soldati nilfgaardiani, ma li fa fuori rapidamente e osserva da dietro un carro mentre altri soldati assaltano la fortezza. Mentre continua a guardare, si sente un tonfo improvviso e quando si guarda intorno al carro, vede una Calanthe ormai morta. A questo punto, Geralt si precipita nel castello per trovare Ciri, uccidendo ogni soldato nilfgaardiano che incontra nel cammino.

Sequenza temporale di Yennefer[]

A Nazair, Yennefer visita un sito di scavi archeologici e due ufficiali nilfgaardiani le chiedono immediatamente se ha una lettera di salvacondotto da visitare, che consegna e risponde alle loro domande sulla sua visita. Soddisfatti, gli ufficiali si dirigono appena in tempo per consentire a Istredd e Yennefer di individuarsi, con il primo che saluta la maga. Istredd quindi porta a Yennefer in giro mentre parla del suo lavoro lì: scavare un magnalite che era inaccessibile fino a quando Nilfgaard non prese Nazair con la forza. Tuttavia, Istredd nota che non gli interessa come viene fatto, ma solo di fare le sue ricerche, in particolare per quanto riguarda una profezia e il futuro.

Yennefer e Istredd discutono.

Mentre i due si siedono insieme in una taverna improvvisata, Yennefer rivela che vorrebbe riaccendere la loro relazione, inclusa la vita "noiosa" che Istredd ha offerto ad Aretuza e che inizialmente aveva rifiutato. Quando le domande Istredd lui il motivo per cui quando si potrebbe avere chiunque, si rivela che lei ha avuto altri, ma tutti hanno visto in lei era il suo potere in tribunale come un re mago , piuttosto che suoi poteri magici. I due si baciano, ma Istredd poi interrompe, rivelando che ha passato anni a desiderare che tornassero insieme, compresi i modi per studiare ad Aedirn quando Yennefer era lì, per cercare di avvicinarsi a lei, ma Yennefer al momento rifiuta tutte le sue richieste. Alla fine, Stregobor convince Istredd a concentrarsi invece sul lavoro e l'ultimo fa i conti con il fatto di non stare più con Yennefer poiché vogliono cose separate nella vita. Quindi si alza e lascia Yennefer da sola al tavolo.

Vilgefortz si presenta.

Tuttavia, non appena se ne va, un altro uomo, Vilgefortz, prende immediatamente il posto vacante. Scambiandolo per qualcuno che cercava di prenderla in braccio, Yennefer gli disse di lasciarla in pace, ma Vilgefortz notò che non aveva molto tempo per parlare, rivelando che Nilfgaard stava arruolando maghi al loro servizio e, poiché entrambi erano lì illegalmente senza legittimi lettere di salvacondotto, avevano bisogno di arrivare ad Aretuza. Mentre Yennefer ride dell'idea, Vilgefortz osserva che il Capitolo la considera "avventata, imprevedibile e pericolosa" e questo è ciò di cui Tissaia de Vries e Vilgefortz hanno bisogno e Tissaia ha persino detto a Vilgefortz che Yennefer è "la migliore studentessa a cui avesse mai insegnato".

Di ritorno ad Aretuza, Yennefer incontra Vilgefortz insieme ad altri due maghi, ma Tissaia non è presente. Vilgefortz quindi parla di Nilfgaard e di come credono che l'imporo attaccherà Cintra, ma Yennefer lo respinge rapidamente, notando che non le importa e chiede dove sia Tissaia. Vilgefortz cerca di dirle che la direttrice può aspettare ma, imperturbabile, Yennefer si propone di trovarla solo per Vilgefortz e lui la informa che in realtà lei non sa che lei è lì. Arrabbiata per essere stata ingannata, Yennefer parte per la scuola, solo per irrompere nella sua vecchia stanza, sorprendendo le tre studentesse all'interno. Dopo aver visto la sua apparizione improvvisa, porta le ragazze nella serra per imparare altri usi delle erbe che stanno studiando che non vengono insegnate a scuola, notando al trio di pensare da sole, per poi farle provare allucinazioni dalle erbe miste. Durante questa allucinazione, le ragazze rivelano che il Capitolo sente di aver bisogno di studenti delle "migliori" famiglie, permettendo ai genitori di comprare la figlia, anche se non hanno mai avuto un momento di Passaggio.

La pozza d'acqua sotterranea di Aretuza.

Mentre le ragazze mostrano esitazione a ciò che stanno imparando con le erbe, temendo l'espulsione, Yennefer nota che ci sono cose molto peggiori e le porta alla pozza d'acqua sotterranea sotto Aretuza. Quando una ragazza chiede di saperne di più, Yennefer rivela che sono sterilizzate e quindi non possono avere famiglie, garantendo fedeltà solo al Capitolo, e tutto per una vita deludente. Mentre un'altra ragazza nota più fermamente che non dovrebbero essere lì e che non si rovineranno come ha fatto Yennefer, quest'ultima poi rivela cosa succede a coloro che non salgono, mostrando le anguille nell'acqua. Proprio mentre lo fa, Tissaia interrompe e manda via le ragazze.

Yennefer quindi affronta Tissaia ma vedono gruppi di maghi che si dirigono con urgenza da qualche parte e Tissaia li segue rapidamente. Yennefer vede un'altra faccia nel gruppo, Triss, e la chiama, e lei le rivela che è un conclave di emergenza mentre Nilfgaard sta attaccando Cintra.

Fringilla insiste che Nilfgaard vuole solo Cintra.

Nella sala riunioni, c'è un netto divario anche tra i maghi del Nord: Stregobor e Artorius sono d'accordo con Cintra che cade, mentre Vilgefortz e Tissaia desiderano salvarlo, notando che se Cintra cade, Nilfgaard continuerà e proverà a conquistare il resto ed è una minaccia per il loro stile di vita e pratiche magiche. Mentre discutono, improvvisamente l'incontro viene interrotto nientemeno che da Fringilla, che aiuta l'imperatore nilfgaardiano. Come Triss fa notare, tutte le colpe che fanno Nilfgaard e i suoi maghi, come arruolare maghi e praticare la magia proibita come la negromanzia, Fringilla nasconde queste preoccupazioni prima di lanciare un avvertimento: se i maghi non prenderanno posizione, allora dovrebbero almeno stare alla larga da Nilfgaard poiché desiderano solo prendere Cintra. La conversazione si sposta poi su Stregobor e Artorius che danno colpa a Yennefer per quello che ha fatto anni prima, prima che il conclave indichi una votazione, con il risultato che la maggior parte dei maghi è favorevole a lasciar cadere Cintra.

Dopo l'incontro, Yennefer e Tissaia parlano in privato e la direttrice rivela che un piccolo gruppo di maghi desiderano impedire a Nilfgaard di invadere ulteriormente a nord, e che stanno pianificando di combattere in un altro punto che Nilfgaard sicuramente cercherà di attaccare. Yennefer mostra ancora disprezzo, non curandosi della scuola e delle sue recenti pratiche, ma Tissaia chiede di, se non combatterà per la confraternita, farlo almeno per lei.

Sequenza temporale di Ciri[]

Ora sola, Ciri si fa strada in un villaggio dove prova, fallendo, a rubare del cibo mentre cerca di raggiungere le Skellige. Sentendo questo, una donna, Zola, la avverte dicendo che non è sicuro viaggiare da sola in queste aree, ma Ciri, essendoci abituata, se ne va.

Zola cerca di convincere Ciri ad andare con lei.

Mentre passa davanti a un gruppo di persone che guardano la scenetta di un burattino, nota alcuni guanti ma prima che possa scappare con loro, il venditore la chiama e lei gli consegna come pagamento un costoso anello che un tempo apparteneva a sua madre. Quindi scarta il singolo guanto logoro che aveva e indossa quelli nuovi mentre Zola le si avvicina, cercando di dissuaderla dall'andare nelle Skellige poiché le strade non sono sicure mentre Ciri cerca di allontanarsi di nuovo da lei. Imperturbabile, Zola si mette di fronte a Ciri per fermarla e le dice che potrebbe offrirle del cibo e un posto sicuro dove stare a casa sua, affermando che ha solo bisogno di finire un'altra commissione e fare spazio sui suoi cavalli, Clip e Clop. Ciri annuisce silenziosamente, ma non appena Zola si avvia per finire i suoi compiti, Ciri ruba uno dei cavalli e se ne va.

Ciri pronuncia la profezia di Ithlinne.

Di notte, Ciri allestisce un piccolo falò in un campo con il cavallo rubato nelle vicinanze. Improvvisamente sente l'avvicinarsi improvviso di alcune persone. Inizialmente cauta, Ciri afferra un ramo per difendersi, ma riconosce uno dei quattro uomini come Anton, uno dei ragazzi con cui ha giocato a Cintra. Corre in avanti, felice di vederlo, ma lui la spinge bruscamente da parte mentre fa notare a un altro che sapeva che era lei al mercato prima che corrono verso il cavallo e iniziano a rubare le borse. Mentre Ciri cerca di dire loro di fermarsi, un altro la spinge indietro, dicendole che Nilfgaard ha una bella ricompensa per lei. Ciri cerca quindi di supplicare Anton e lui rivela che lei non gli era mai piaciuta e che la faceva giocare solo perché era una principessa. Mentre cercano di trascinarla al centro della radura, Ciri rilascia un impulso magico, questa volta con un'altra voce mentre predice degli eventi prima che un urlo venga sentito.

Riferimenti[]

Navigazione[]

The witcher netflix logo.png

Personaggi

Lista dei personaggi
Stagione 1 L'Inizio Della FineQuattro MarchiLuna TraditriceBanchetti, Bastardi e SepoltureDesideri IncontenibiliSpecie RaraPrima di Una SconfittaMolto di Più
Stagione 2 Un Briciolo di VeritàKaer MorhenCiò Che è PersoLe Spie di RedaniaInvertire La RottaCaro Amico...Voleth MeirFamiglia
Advertisement