FANDOM


(Creata pagina con ''''Rience''' è un mago di grandi capacità che venne mandato a perseguitare Ciri nel romanzo "Il Sangue degli Elfi". Non è tuttavia potente come il suo maestr…')
 
 
Riga 3: Riga 3:
 
Il salvataggio di Yennefer lasciò un "marchio" indelebile su Rience. Anche se riuscì a sopravvivere, il mago subì un incantesimo letale da parte della maga, che gli sfigurò per sempre il volto, rendendolo inoltre molto riconoscibile e facile da rintracciare.
 
Il salvataggio di Yennefer lasciò un "marchio" indelebile su Rience. Anche se riuscì a sopravvivere, il mago subì un incantesimo letale da parte della maga, che gli sfigurò per sempre il volto, rendendolo inoltre molto riconoscibile e facile da rintracciare.
   
  +
  +
[[Categoria:maghi]]
  +
[[Categoria:Personaggi nei romanzi]]
  +
[[Categoria:Umani]]
   
 
[[cs:Rience]]
 
[[cs:Rience]]
Riga 8: Riga 12:
 
[[en:Rience]]
 
[[en:Rience]]
 
[[pl:Rience]]
 
[[pl:Rience]]
[[Categoria:maghi]]
+
[[pt-br:Rience]]
[[Categoria:Personaggi nei romanzi]]
+
[[ru:Риенс]]
[[Categoria:Umani]]
+
[[uk:Ріенс]]

Revisione corrente delle 09:46, ago 24, 2019

Rience è un mago di grandi capacità che venne mandato a perseguitare Ciri nel romanzo "Il Sangue degli Elfi". Non è tuttavia potente come il suo maestro, Vilgefortz. Nel tentativo di trovarla, catturò e torturò Dandelion per ottenere delle informazioni. Fu grazie all'intervento fatale di Yennefer, che Dandelion potè sopravvivere, continuando nel suo ruolo di compagno di Geralt.

Il salvataggio di Yennefer lasciò un "marchio" indelebile su Rience. Anche se riuscì a sopravvivere, il mago subì un incantesimo letale da parte della maga, che gli sfigurò per sempre il volto, rendendolo inoltre molto riconoscibile e facile da rintracciare.

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.