FANDOM


Vysogota di Corvo era uno scienziato, un chirurgo, un alchimista, ricercatore, storico, filosofo, studioso di etica e professore dell'Università di Oxenfurt e dell'Accademia Imperiale. Considerati i suoi scritti eretici e pericolosi per la stabilità politica dell'Impero, venne perseguitato, bandito e costretto a rifugiarsi nelle paludi di Pereplut in Ebbing, dove infine fondò un eremo.

Nella palude, incontrò Ciri, vicina alla morte per essere stata ferita da Stefan Skellen durante la fuga dal villaggio Unicorno. L'eremita la portò nel suo rifugio, una capanna nel mezzo delle paludi, assistendola durante la guarigione. Ciri trascorse cinque settimane in compagnia di Vysogota, avendo modo di raccontargli la sua storia durante i periodi di convalescenza.

La sera stessa in cui Ciri partì per Tor Zirael, durante la notte di Saovine, Vysogota morì in solitudine nella sua capanna, mentre nelle paludi riecheggiava, per la terza volta, il grido di una baenn'shie, noto presagio di morte.

The Witcher Modifica

Zoltan Chivay lo nomina in una coversazione filosofica con Geralt: "Se vuoi le parole di uno studioso, leggi Vysogota di Corvo."

"Ops, sembra che manchi qualcosa..."
Questo articolo é incompleto. Puoi aiutare la wiki espandendolo.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.